Servizi Educativi

Responsabile: Dott.ssa Giuseppina Ghini
e-mail: giuseppina.ghini@beniculturali.it

Referente: Dott. Zaccaria Mari
e-mail: zaccaria.mari@beniculturali.it

 I “Servizi Educativi del Museo e del Territorio” sono stati attivati all’interno delle Soprintendenze, talora riassorbendo la Sezione didattica già operativa, in seguito all’“Accordo quadro sull’educazione al patrimonio culturale” siglato il 20.03.98 tra il Ministerro per i Beni Culturali e Ambientali e il Ministero della Pubblica Istruzione con il fine di dare pratica attuazione presso le scuole di ogni ordine e grado al “diritto di ogni cittadino ad essere educato alla conoscenza e all’uso responsabile del patrimonio culturale”. Si intende, con ciò, favorire nelle giovani generazioni la conoscenza dei beni storico-artistici presenti soprattutto nel bacino di utenza delle singole istituzioni scolastiche e sviluppare la sensibilità verso il tema della salvaguardia e della valorizzazione.

Negli anni seguenti all’accordo i finanziamenti erogati a progetto da entrambi i ministeri, ma anche contributi forniti da enti locali, hanno consentito di realizzare, tramite convenzioni, accordi, collaborazioni (anche con associazioni culturali operanti sul territorio), interessanti iniziative, che sono state portate avanti da docenti e funzionari archeologi intrecciando le proprie competenze. In seguito il progressivo esaurirsi dei fondi ha determinato una battuta d’arresto dei programmi a respiro territoriale (di cui si riporta una rapida esemplificazione), mentre sono proseguite le iniziative che hanno coinvolto le direzioni di singoli musei e aree archeologiche:

 Santuario di Ercole Vincitore a Tivoli (Rm). Il Liceo Classico “A. di Savoia” di Tivoli ha realizzato fra il 2000 e il 2010 un progetto didattico-archeologico che ha unito attività pratiche e di ricerca e ha messo in campo iniziative per la valorizzazione e la conoscenza del sito (dépliant per i visitatori)

 Territorio di Castel Madama (Rm). L’Istituto Statale d’Arte di Tivoli, con l’iniziativa “adotta un monumento”, è stato impegnato nel 2004 nella ripulitura e nella documentazione (di prossima pubblicazione) del sepolcro di epoca romana denominato “Grotta Penta”

 Villa Adriana (Tivoli - Rm). L’Istituto Comprensivo “Vincenzo Pacifici” e la direzione della villa hanno sviluppato fra il 2004 e il 2008 il Laboratorio storico-archeologico “Il museo didattico racconta i luoghi dell’acqua nella Villa di Adriano” che si è esteso poi all’approfondimento di altri aspetti della celebre residenza imperiale illustrati in una pubblicazione finale curata dalla scuola

 Territorio di Gallicano nel Lazio (Rm). L’area interessata dai resti di una cisterna di età romana in loc. Le Colonnelle, riportata alla luce e valorizzata nell’ambito di un piano di lottizzazione, è stata affidata dal Comune di Gallicano e dalla Soprintendenza nel 2008 (dépliant illustrativo) all’Istituto Comprensivo Scolastico di Via Tre Novembre che la utilizza come laboratorio didattico

 Museo delle Navi Romane di Nemi (Rm). Alle scuole è offerto un servizio di visite guidate gratuite svolte grazie alla collaborazione con il Gruppo Archeologico Latino, estese anche all’area archeologica di Tuscolo (Frascati – Rm). Il Museo, dotato già di un percorso per non vedenti, partecipa ad un progetto in fieri (capofila la Regione Lazio) che mira a facilitare le persone non udenti nell’approccio ai musei archeologici. Il progetto vede la consulenza di ICOM Italia e sarà condotto in collaborazione con il Centro per i Servizi Educativi del Museo e del Territorio

Museo Archeologico Nazionale di Palestrina (Rm). Dal 2006 è attiva una convenzione con il Liceo Classico “Claudio Eliano” di Palestrina, che ha permesso la realizzazione del Certamen Archeologico Prenestino, giunto nel 2012 alla settima edizione, e di progetti di alternanza scuola-lavoro, con tirocini formativi sullo scavo archeologico e lo studio dei reperti ceramici. Nel 2012 il progetto “Benvenuti al Museo” ha coinvolto studenti delle scuole superiori del territorio nella promozione della conoscenza del patrimonio archeologico prenestino. Dal 2010, inoltre, il Museo organizza laboratori didattici e visite guidate per gli alunni delle scuole primarie del territorio.

Comprensorio Archeologico di Minturnae (Minturno – Lt). Progetto “La memoria del Territorio”, frutto della collaborazione fra la Soprintendenza e l’Istituto Scolastico “Vitruvio-Tallini” di Formia, che ha portato alla realizzazione di ricostruzioni tridimensionali di alcuni importanti monumenti della città romana, di materiali didattici e di un DVD-Archeoguida