Servizio di Conservazione e Restauro

Responsabile: Dott. Zaccaria Mari
e-mail: zaccaria.mari@beniculturali.it

Funzionario diagnosta: Patrizia Cocchieri
e-mail: patrizia.cocchieri@beniculturali.it

Assistente tecnico-scientifico: Barbara Caponera
e-mail: barbara.caponera@beniculturali.it


Indirizzo del Servizio
Presso la sede della Soprintendenza
Via Pompeo Magno, 2 - 00192 Roma

Indirizzo dei Laboratori
All'interno dell'area archeologica di Villa Adriana
Largo M. Yourcenar, 1 - 00010 Villa Adriana - Tivoli (Rm)

tel.: (+39) 06 3265961 (Servizio); (+39) 0774 530203 (Laboratori)
fax: (+39) 0774 531979
e-mail: sar-laz.restauro@beniculturali.it

Il Servizio, che si avvale di due laboratori, esegue interventi conservativi e di restauro su manufatti archeologici provenienti da scavi e musei statali compresi nel territorio della Soprintendenza e su quelli concessi in deposito temporaneo presso i musei civici.

La documentazione degli interventi viene gestita con il supporto del Direttore informatico Quirino Berti. Entrambi i laboratori sono dotati di postazione informatica e di un database per l’informatizzazione della registrazione dei dati. A breve sarà reso attivo un sistema informatico di fruizione del database del laboratorio dotato di filtri in grado di riservare la consultazione dei dati ai diretti interessati.

Il Servizio collabora inoltre, riguardo a particolari problematiche, con l'Istituto Superiore per la Conservazione ed il Restauro (ISCR), con il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e con cattedre universitarie afferenti alle discipline archeologiche.

Sul piano specificatamente tecnico-operativo l’attività si articola in:

  • interventi conservativi e di restauro sui materiali archeologici provenienti dal territorio della Soprintendenza
  • elaborazione e successiva informatizzazione di Schede di restauro
  • assistenza e/o pronto intervento durante gli scavi archeologici
  • assistenza per specifiche operazioni, quali imballaggio, accompagnamento all'esterno e ricezione di opere all'interno della Soprintendenza, redazione di apposite  Condition reports per allestimenti di mostre 
  • attività di controllo nel corso di interventi di restauro affidati a tecnici esterni
  • collaborazione a progetti di restauro inseriti nella programmazione triennale dei lavori pubblici
  • ricognizione periodica sui reperti custoditi nei locali-deposito della Soprintendenza
  • verifica e relative proposte per ottimizzare le condizioni conservative del patrimonio archeologico
  • attività di didattica per stage formativi.